ACLiF: Plui Furlan in programazion e informazion RAI

ACLiF: Plui Furlan in programazion e informazion RAI

Presentâts in vdc ats de cunvigne dai 13 di Avrîl e la iniziative di doi “camion vele” che a difondin sul teritori il messaç “Plui furlan in Rai”

Udin, ai 13 di Avrîl dal 2020 – “Une volte e in altris teritoris a vevin scomençât a fâ colâ i pilons de alte tension, nô o sin dal sigûr plui pacifics ma dal sigûr o sin ancjetant determinâts intal riclamâ la impuartance dal ricognossiment di une bataie che e rivuarde la difese e la valorizazion di un popul che sot de stesse lenghe e vûl continuâ a jessi unît intai principis e valôrs che si son consolidâts in plui di 1.000 agns di storie: la lenghe furlane e à di jessi fevelade prime di dut in cjase, ma al è ancjetant fondamentâl che la scuele e sedi un fondament, tant che grant rilêf al à il sisteme dai mieçs di comunicazion”.

Lu à sotlineât il president de Assemblee de comunitât linguistiche furlane (Aclif) ae presentazion dai ats de cunvigne organizade ai 13 di Avrîl passât “La ufierte radiotelevisive pes minorancis linguistichis in Italie” publicâts e pronts a jessi distribuîts ae Zonte e al Consei regjonâi, ai vertiçs de Rai, a rapresentants istituzionâi.

“La omologazion culturâl e linguistiche e rapresente une grant tentazion che e plâs al mont dal consum ma che al significhe intal timp dâ fuarce aes pulsions centralistis e a lunc lâ ae sterilizazion di un teren, chel des mil diferencis che no inricjissin dome il Friûl ma dute la Italie”, al à zontât Murmair che al à moderât la presentazion indulà che a son intervignûts l’assessôr regjonâl aes Lenghis minoritariis Pierpaolo Roberti, il president dal Consei regjonâl Piero Mauro Zanin, il diretôr de sede Rai FVJ Guido Corso, il president de Agjenzie regjonâl de lenghe furlane (Arlef) Eros Cisilino e il president de Societât filologjiche Furlane Fedrico Vicario.

“La Regjon e je pronte a sostignî cualsisedi ativitât si puedi meti in cjamp in chescj vincj dîs che nus separin de scjadince naturâl de Convenzion pe trasmission di programs radiofonics in lenghe furlane jenfri la Presidence dal Consei e la Rai par centrâ l’obietîf di podê fâ cualchi pas in plui a pet di cetant che al è za ipotizât ital stampon che o sin in spiete”, al à sigurât Roberti, marcant la oportunitât di continuâ la azion sinergjiche di domande di implementazion des risorsis tecnologjichis e umanis in marilenghe te sede Rai dal Friûl Vignesie Julie “ancje traviers la spedizion di une letare direte al sotsegretari ae Informazion e Editorie Giuseppe Moles”.

Roberti al à dit graciis al president de Aclif, Markus Maurmair, parcè che sedi la organizazion de cunvigne, sedi la stampe e difusion dai ats, ma ancje la ultime iniziative presentade vuê e promovude de Assemblee, ven a stâi doi “camion vele” che a difondaran sul teritori il messaç “Plui Friûl in Rai”, a rapresentin un supuart fondamentâl ae azion di pression sul Guvier e la Rai che la Aministrazion regjonâl no à mai fat mancjâ.

“Al è impuartant che si puedi fevelâ in furlan in television – al à comentât Zanin – ma si trate ancjemò di un piçul pas: o vin di tignî alte la atenzion su chest teme. A servissin – al à ribatût – risorsis struturâls e umanis in marilenghe, e covente la informazion in furlan par svicinâ la lenghe ae croniche e fâle ancjemò plui atuâl”.

Di bande sô il diretôr de sede Rai dal Friûl Vignesie Julie, Guido Corso, al à sotlineât che l’an passât, in graciis di un sfuarç corâl, si è rivât insom a un travuart impuartant. “L’acuardi integratîf intun an di pandemie nol jere un risultât sigûr. O crôt che Presidence dal Consei e Rai a vedin di prestâ atenzion a chestis manifestazions, risultât di une pression costante di dutis lis istituzions, puartadis indenant in mût trasversâl. Chel che al è stât fat fin cumò de sede dal FVJ o calcoli al sedi stât un sfuarç impuartant: o sin rivâts a meti in onde dai programs origjinâi e cun grande atenzion ae cualitât. No volìn che la programazion des lenghis minoritariis dal teritori sedi ‘folcloristiche’, ma che e vedi impuartance culturâl, e o desiderìn che la Rai e resti in dialic cu lis istituzions culturâls dal teritori”.

“Al è un probleme di cuantitât di oris di trasmission, ma ancje di cualitât”, al à sotlineât Fidrì Vicjari, president de Furlane Filologjiche, intant che il president de Arlef, Eros Cisilino, al à rilevât la dibisugne di rivâ a un plui impuartant risultât a pet di ce che al è stât otignût fin cumò in tiermins di infuartiment dal personâl, autôrs di programs e gjornaliscj, daspò 25 agns di spiete.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *